UT QUEANT LAXIS

DO-RE-MI-FA-SOL-LA-SI: Come, quando e perché hanno avuto origine?

Prima dell’XI Sec. d.C. la notazione era assai complessa: fatta di segni che lasciavano molto spazio alla libera interpretazione, tant’è che infatti sino ad allora la musica veniva eseguita quasi esclusivamente in maniera mnemonica e tramandata oralmente.

Si guardino a tal proposito “gli Inni di Ugarit”.

Inno alla dea Nikkal: il sesto dei “Canti Hurriti” databili al 1400 a.C. e rinvenuti negli anni 50 del XX secolo nel sito archeologico di Ugarit

A portare quest’innovazione sarà il Monaco Benedettino Guido d’Arezzo (990ca – 1050ca)

il quale, vedendo la difficoltà dei suoi allievi nell’apprendere e ricordare i canti della tradizione Gregoriana, adotterà un sistema che rivoluzionerà per sempre l’insegnamento, la lettura e l’interpretazione musicale:

Estrapolerà le prime sei note da noi conosciute, dal famoso “Inno a S.Giovanni Battista” di Paolo Diacono (720ca – 799ca), cantato a mo’ di preghiera per liberare e preservare i cantori dalla raucedine:

UT queant laxis / REsonare fibris / MIra gestorum /FAmuli tuorum, /SOLve polluti /LAbii reatum, / Sancte Joannes.”

Curiosità

  • La nota UT, il cui nome è rimasto tutt’ora invariato in Francia, verrà successivamente ribattezzata dal teorico musicale Giovanni Battista Doni (1595ca – 1647ca) il quale darà appunto a questa le iniziali del suo cognome, DO
  • La nota SI, verrà aggiunta intorno al XVI Sec. da alcuni teorici musicali, i quali, useranno le iniziali del Santo sopra citato, Sancte Johannes: SI

Diego Del Giudice – Officine Raminghe

Qui di seguito l’Inno a San Giovanni Battista:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia un commento